Recupera calore dall'acqua della doccia

Se consideriamo l'energia che si consuma nell'ambito domestico, notiamo che quella destinata a riscaldare l'acqua rappresenta una larga fetta di quella totale. Purtroppo, una buona parte di quel calore prodotto si disperde negli scarichi: se troviamo il modo di recuperarlo dalle nostre docce, potremmo risparmiare risparmiare energia (e denaro) in maniera semplice.

E' possibile installare uno scambiatore nello scarico, che recupera energia: i nuovi modelli di scambiatori in ambito residenziale sono in grado di recuperare più del 50% del calore disperso dalle docce, offrendo un buon ritorno dell’investimento.

Come funziona?

Il sistema di recupero non ha parti in movimento e non richiede elettricità. Una configurazione specifca di tubazioni di rame trasferisce il calore dall’acqua calda “usata” all’acqua fredda “nuova”, portandola da 10° fino a 25°C. Così, quando l’acqua fredda arriva al miscelatore, è già preriscaldata: quindi verrà richiesta meno acqua calda “nuova” dal boiler o dal pannello. In caso di sistemi di accumulo, l’energia recuperata dalla doccia può essere usata per preriscaldare l’acqua dell’accumulo.


Schema operativo del recupero di calore dall’acqua della doccia
© Wagner Solar

Puoi guardare anche il video (in ingl.)

 



Modelli di scambiatori sul mercato

Gli scambiatori domestici da installare sotto lo scarico della doccia esistono già: Eccone alcuni:


Canale di scarico DSS / Meander Heat Recovery

 


Scambiatore di calore con 5 tubi di rame © Joulia

 


iZi © Zypho

 


Piatto doccia DSS / Wagner Solar

Share >